martedì, 16 luglio 2024
DRAWING

Enea Bastianini: dalla piscina alla pista

Non tutti lo sanno ma Enea Bastianini, prima di essere un pilota della Ducati rossa di Borgo Panigale e prima della pista, ha iniziato a muovere i primi passi nel mondo dello sport grazie ai tuffi. 

Il giovane riminese era un tuffatore molto bravo e per molto tempo si è destreggiato tra la piscina e la pista, scegliendo poi quest’ultima. La passione per il trampolino l’ha portato ad ottenere ottimi risultati, tra cui la seconda posizione ai nazionali di categoria nel 2009, riuscendo ad entrare anche nel progetto giovani azzurri.

Nonostante potesse essere il percorso giusto per lui, Enea decide di dedicarsi totalmente alle moto.

Per un romagnolo come lui, sembrava naturale l’ingresso nella VR46 Academy di Valentino Rossi, tuttavia lui decide di rimanere con Fausto Gresini. Un destino, quello con la famiglia Gresini, che gli ha dato tanto, anche in MotoGP

La carriera di Bastianini non è stata per niente semplice, soprattutto agli inizi. Il percorso in Moto3 e Moto2 è stato ricco di alti e bassi, che tuttavia si è concluso nel 2020 con la vittoria del titolo mondiale con il team Italtrans Racing.

Ancora prima della vittoria del campionato, Enea ha firmato un contratto in MotoGP con Esponsorama Racing per correre con una Ducati cliente insieme a Luca Marini.

La progressione del suo primo anno in MotoGP è stata costante, arrivando ad ottenere tre podi, tra cui a Misano.

Nel 2022 ha cambiato team ma rimane nella sfera Ducati. Bastianini è ritornato nel team di Fausto Gresini, che nel 2022 ha iniziato la sua avventura in MotoGP, affermandosi fin da subito come squadra che può lottare per il mondiale.

Il pilota Gresini ha conquistato la sua prima vittoria in Qatar, prima gara del campionato, tra le sue grida sotto il casco e le lacrime di Nadia Gresini, che non può non pensare a quanto suo marito Fausto, scomparso nel 2021, sarebbe stato orgoglioso di Enea e del suo team.

Il 2022 è stata una stagione eccezionale con 4 vittorie, arrivando a instillare dei dubbi nel management Ducati per il posto in Rosso a fianco di Francesco “Pecco” Bagnaia per il 2023.

Il posto nel team ufficiale sembrava essere ormai del giovane talento spagnolo del team Ducati Prima Pramac Jorge Martin, tuttavia Enea ha rimescolato le carte e alla vigilia del Gran Premio di Misano è arrivato l’annuncio del suo passaggio in Ducati. Il 2022 si è concluso con la terza posizione nella classifica mondiale.

Il 2023 sarebbe dovuto essere l’anno del riscatto e del “ci sono anch’io”, invece così non è stato.

Un incidente alla prima gara, a Portimao, ha compromesso la stagione di Enea, che a causa di un brutto infortunio è stato lontano dalle moto per molto tempo. Ad alimentare i dubbi sulla sua condizione e sulle sue capacità sono state le prestazioni di Jorge Martin, che dal Gran Premio di Germania ha iniziato a macinare vittorie su vittorie.

Ma, a testa bassa, circondandosi di persone fidate e dell’amore di chi ha sempre creduto in lui, Bastianini ha provato a riprendersi il suo posto. In Malesia, in cui le voci di un suo possibile addio alla Ducati, hanno iniziato a farsi più insistenti, lui ha fatto quello che sa fare meglio, ovvero vincere.

Le lacrime e gli occhi lucidi dopo la bandiera a scacchi hanno raccontato la sofferenza di una persona, che ha dovuto mettersi in discussione rimettendo insieme i pezzi per tornare quello di prima, o forse una versione ancora migliore.

Il 2024 sarà ancora in rosso e dovrà dare il 110% per dimostrare a tutti che Enea c’è.

 

Articolo a cura di Chiara Russo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *