venerdì, 18 giugno 2021
Interviste

TACA LA MARCA: INTERVISTA A RICCHIUTI

Sul canale Instagram di Taca La Marca è intervenuto in diretta Adrian Ricchiuti, ex calciatore tra le tante di Rimini e Catania, il quale ai nostri microfoni si è soffermato su tanti temi, ecco quanto raccolto:

Forano

“Passare da Buenos Aires a Forano, cittadina di 2000 abitanti, per un ragazzino di 12 anni non è stato facile.  Invece devo ringraziare questo paese, dove vivono ancora i miei genitori, che mi ha adottato.”

La Ternana

“Ha fatto un ottimo campionato e forse non partiva come la favorita, invece questa Ternana rimarrà nella storia della Lega Pro, macinando record su record. Nonostante abbia già raggiunto la B, l’undici di Lucarelli non sta regalando un punto, ed è proprio questo il bello del calcio.”

Baldini

“Baldini sta provando un qualcosa di nuovo al Catania, sta facendo un ottimo calcio in vista dei playoff.”

L’arrivo di Tacopina

“Conoscendo il personaggio sono convinto che farà grandi cose a Catania non viene mai a caso in una piazza.”

La grande stagione con la maglia del Rimini

“Abbiamo espresso il migliore calcio in quell’anno. La presenza di compagini come Juventus, Napoli e Genoa ci ha dato una grossa visibilità, soprattutto quest’ultime sono state brave ad ottenere i punti necessari per non far disputare i playoff.
In caso di playoff sicuramente ci saremmo giocati le nostre chances.”

Handanovic

“Mi ricordo che a fine ritiro in quella stagione Handanovic stava rischiando di andare via ed invece è rimasto con noi e poi sappiamo come è andata la sua carriera.”

La coppia con Jeda

“Con Jeda c’è stata subito una grande sinergia, eravamo compagni di stanza in ritiro. Sapevamo con uno sguardo cosa avrebbe fatto l’altro. Era davvero forte, aveva uno stacco di testa invidiabile.”

Il gol alla Juventus in Serie B

“Quello a Buffon è stato un gol davvero importante, ma soprattutto è stato bellissimo vedere tutta la città di Rimini in festa.”

Diego Armando Maradona

“Manca al calcio, ma soprattutto dispiace il modo in cui se ne è andato. Siamo cresciuti vedendo il migliore giocatore tutti i tempi e sognando di poter scendere in campo nei suoi stadi come la Bombonera o il San Paolo.”

Idolo d’infanzia

“Bochini è stato un grande dieci, aveva una classe ed una qualità eccezionale, è stato il simbolo dell’Indipendiente.”

Mihaijlovic e Simeone

“Mihajlovic e Simeone sono due persone vere, molto dirette che si sono comportate nel migliore dei modi a Catania.
Con Mihajlovic è arrivata in particolare modo la svolta ma dobbiamo riconoscere che la presenza di Maxi Lopez, che in quella stagione segnava a grappoli, è stato un fattore determinante.”

Il Papu Gomez

“Gomez era giovane ma già aveva qualità incredibili, ma soprattutto ha avuto la capacità di crescere anno dopo anno.
Uno dei pochi in Italia in grado di saltare l’uomo e di garantire la superiorità numerica. Mi ricordo che feci l’assist per il primo gol in Italia contro il Napoli al San Paolo.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *